“I mostri del buio”: Pina Irace e Chiara Lamieri decise ad aiutare i piccoli lettori. I mostri esistono davvero? E poi se esistono, fanno così paura?

I Mostri del Buio servono a far diventare grandi i bambini, se non si conosce la paura non si troverà mai il modo di sconfiggerla!

0
211

“Volevo raccontare della paura del buio, mi ha accompagnata per tanti anni, dei mostri che lo popolano, così diversi immaginario di ogni bambino e anche della possibilità di sconfiggerli. Mio figlio da piccolo mi disse che per sconfiggere un mostro del buio lo faceva diventare comico e rideva di lui. Ho pensato che una volta conosciuti di persona davvero i mostri avrebbero potuto avere aspetti imprevedibili e magari non essere così diversi da noi umani.”

Chi di noi non ha mai avuto paura del buoi, da bambino, solo nel proprio letto? Così si presenta Millo il protagonista di questa storia adatta ai bimbi dai 7 anni in su. Camillo detto Millo ha 8 anni ed è un po’ fifone…da qui la sua difficoltà nello spegnere la luce la notte, perché potrebbero arrivare mostri terribili…ma in fondo i mostri sono poi così terribili? E se fossero dei mostri piccolini con gli stessi problemi degli umani piccolini?Una sera Millo decide di spegnere la luce…e così inizia la strana storia di amicizia con Scrì, il mostro della scrivania, un simpatico mostro bambino che non fa poi cosi paura, infatti alla scuola dei mostri ha gli stessi problemi di Millo! Per errore Scrì porterà Millo nella terra dei mostri del buio, dove conoscerà tutti i tipi di mostri, che in comune hanno una strana allergia, l’allergia alla luce. Ogni mostro viene descritto in una pagina a lui dedicata con i simpatici e coloratissimi disegni di Chiara Lamieri. Questo albo può essere letto tutto d’un fiato o può essere suddiviso in varie letture per far conoscere ogni giorno ai bimbi un mostro nuovo con le sue caratteristiche e le sue simpatiche particolarità.

Bravissima Pina Irace a portare i lettori in questo nuovo mondo, per aiutarli a sconfiggere questa millenaria paura perché, come leggiamo nel libro: i Mostri del Buio servono a far diventare grandi i bambini, se non si conosce la paura non si troverà mai il modo di sconfiggerla! Un libro vivace e attento ad alcune tematiche di oggi (Millo e Scri nella prima parte del libro si confrontano sui soprannomi cattivi che a scuola sono stati assegnati a entrambi). Un libro significativo che prova a dare un volto colorato e meno cattivo alle paure innate che nascono nei bambini con l’arrivo della sera e con il distacco da quella lucina che permette loro di sentirsi al sicuro.

Pina Irace comincia giovanissima l’attività teatrale per poi diplomarsi nel 1989 alla Scuola di Teatro “La Scaletta” di Roma.

La sua esperienza professionale spazia dalla tragedia greca alla commedia musicale, dal teatro politico alla drammaturgia contemporanea, dalla tradizione napoletana ai classici americani, con rappresentazioni nei maggiori teatri italiani. Ha inoltre proposto essa stessa nuovi percorsi narrativi per il teatro e per il Cinema indipendente. Da sempre alterna la sua attività di attrice con la conduzione di laboratori teatrali rivolti a bambini, ragazzi e adulti in collaborazione con scuole e istituzioni pubbliche.

La letteratura per l’infanzia caratterizza da tempo la sua professione attraverso la realizzazione di spettacoli di teatro ragazzi e percorsi di educazione alla lettura presso scuole e biblioteche. Nel suo lavoro il libro per bambini diventa lo strumento di ispirazione per le diverse e variegate attività laboratoriali volte a rafforzare il legame con esso.  Con la casa editrice Zoolibri ha pubblicato gli albi illustrati “Il domatore di foglie” e “Il sole col singhiozzo”, usciti anche in Cina, Giappone, Corea, Israele, Danimarca, Brasile e “Quasi quasi oggi cresco”.

Read Red Road è una libreria a Roma, a due passi da Piazza Bologna e da dicembre 2018 è anche casa editrice. La passione come sempre fa diventare idee splendide in strumenti magici.

Marienza Montemurro