“Harold e la matita viola”: Harold torna in Italia un super classico, un inno al potere dell’immaginazione, una storia affascinante per i lettori di ogni età.

“Una sera, dopo averci pensato su per un bel po’, Harold decise di andare a fare una passeggiata al chiaro di luna.”

0
511

3 milioni di copie vendute, tradotto in 14 lingue: un classico intramontabile, che finalmente torna in Italia.

La freschezza, la contemporaneità di questo albo è disarmante. Pensare che la prima stampa in lingua originale risale al 1955, quando Crockett Johnson, scrittore e illustratore di oltre venti libri per bambini, creò Harold, personaggio dolce, unico; pronto a rimanere icona di questo mondo.Harold e la sua matita viola, tracciano un segno forte nella letteratura per l’infanzia, ancora oggi nel 2020, in un mondo pieno e stracolmo di multimedia, vincono e convincono, captando l’attenzione dei piccoli lettori.

La sua semplicità, lo sfondo bianco, il segno forte del colore viola, amplifica l’immaginazione dei lettori. Ogni piccolo lettore lo ha fatto o lo farà, giocare con la fantasia, costruirsi un mondo, dove si può mangiare quello che si decide e che si ama di più, viaggiare, giocare a quello che si vuole e dove si vuole. Alla fine dell’albo tutti desidereranno una matita viola, alcuni in alcuni casi una matita bianca per cancellare quello che è più sgradito, ma questa è un’altra faccenda.La storia inizia con Harold che vuole fare una passeggiata al chiaro di luna, quindi disegna un sentiero e una luna. Presto Harold crea un albero, una barca a vela, draghi, grattacieli e molti altri elementi della sua immaginazione mentre procede nella sua avventura.

Quando Harold ha fame, disegna torte; quando cade da una montagna, crea un pallone che pian piano si trasforma in una mongolfiera, che lo porta a terra in sicurezza. Fino ad arrivare nella sua stanza per addormentarsi.

Nonostante la sua corposità nel numero di pagine, la dinamicità permette di arrivare alla conclusione in maniera rapida, anche i piccoli lettori risultano instancabili, e amano ascoltarla ogni sera prima di andare a letto. Piacevoli i colpi di scena, e le interruzioni dei piccoli ascoltatori che anticipano il disegno che ha in mente Harold. Harold è ognuno di loro e loro sono dei piccoli illustratori che vorrebbero vivere questo albo. Più di ogni altra cosa, in primo piano sono il potere della fantasia e della gioia di una vita dell’immaginazione. Sicuramente un libro che un bambino può ascoltare più e più volte che può diventare sia un amico fidato che un comodo ingresso nella terra dei sogni.

Quindi leggetelo e consigliatelo a un bambino che amate nella vostra vita. O leggetelo al bambino che vive in voi.