“Mary si veste come le pare”: la storia potente di Mary Edwards Walker, ognuno può e deve valorizzare la propria personalità come meglio crede.

Grazie a questa storia vera, possiamo insegnare ai nostri piccoli lettori che c'è bisogno solo di un pizzico di coraggio in più per essere sé stessi al 100%, senza paura di essere giudicati.

0
1096

C’era una volta, un po’ di tempo fa, una bambina di nome Mary, la quale non sopportava l’idea di dover indossare la gonna così come il bustino. Ingombranti, stretti e scomodi, questo tipo di abiti non faceva proprio al caso suo, lei che era così esuberante e attiva! Un bel giorno, decise di agire controcorrente, non pensando a quelle che potevano essere le conseguenze: decise di indossare un bel paio di pantaloni, come quelli del suo papà e degli amichetti del quartiere. Com’era bello muoversi, giocare e saltare con agilità!

Purtroppo però, fu criticata e sbeffeggiata da tutti. Sentendosi molto triste, il papà decise di consolarla come solo i papà premurosi sanno fare.

Il giorno dopo la piccola Mary si recò a scuola molto preoccupata ma…in classe la attendeva una bellissima sorpresa! Quella bimba era Mary Edwards Walker. In tutta la storia degli Stati Uniti, c’è stata una sola donna a ricevere la medaglia d’onore presidenziale. Mary Edwards Walker è la donna della nostra storia. Come chirurga, sostenitrice dei diritti delle donne, abolizionista e spia, Walker divenne la prima chirurga dell’esercito americano durante la guerra civile. Il più scandaloso dei suoi atteggiamenti era il fatto che indossasse i pantaloni. “Io non indosso abiti da uomo, indosso semplicemente i miei abiti” amava ripetere.

Una storia di coraggio e ostinazione della quale crediamo di sentire ancora il bisogno.

A volte basta calarsi nei panni dell’altro (è proprio il caso di dirlo!) per scoprire che ciò che consideriamo “diverso” e “lontano” dal nostro modo di vivere in realtà è solo una convinzione. Un nuovo albo nella sezione Orango Rosa di La Margherita edizioni.

Keith Negley, ci è piaciuto tantissimo, è un grande scrittore e illustratore di libri per bambini, conosciuto a livello internazionale. Il tipo di illustrazione, colpisce subito, centra il protagonista e lo arricchisce con colori diversi dal resto della storia, gli abiti geometrici e le espressioni facciali dei personaggi sono il suo marchio di fabbrica.Vanta 15 anni di esperienza con pubblicazioni su riviste e quotidiani. I suoi lavori sono presenti sulle copertine dei libri, su t-shirt, copertine di dischi, poster, skateboard, orologi. Contribuisce spesso, con i suoi lavori, al New York Times e al New Yorker. Si è laureato in Belle Arti presso l’Istituto Milwaukee di Arte e Design nel 2000, e nel 2013 si è laureato presso la Scuola di Arti Visive. Il suo primo libro per bambini, “Tough Guys (have feelings too)”, pubblicato da Flying Eye Books, ha ricevuto apprezzamenti dalla critica ed è stato venduto ovunque. Insegna anche all’Università di Vancouver.

Maria Casiello