“Come ali di gabbiano”: Lorenza Farina e Anna Pedron con la delicatezza che le contraddistingue ci aiutano a non dimenticare.

Un amico speciale, volando leggero come un gabbiano, fa conoscere al mondo il messaggio che Anne Frank ha inciso in punta di penna sulle sue ali bianche.

0
794

La senatrice a vita Liliana Segre negli scorsi giorni parlando della Shoah al teatro degli Arcimboldi a Milano rivolgendosi agli studenti si è detta pessimista sul futuro: “Penso che nel giro di pochi anni, quando sarà morto l’ultimo di noi, la storia della Shoah diventerà prima solo un capitolo in un libro di Storia, poi una riga e poi non ci sarà più nemmeno quella”. Una frase che poi ha spiegato così: “È quello che penso. La storia è fatta così, chi si ricorda di quello che è successo nel passato? Ci sono sempre dei motivi per cui il male si chiude”. Questo può e deve fare molto riflettere. Come possiamo noi genitori aiutare i nostri figlie le future generazioni a non dimenticare?  A lottare perché quanto successo nei campi di sterminio non accada ancora?

Cominciamo nel nostro piccolo a seminare in loro i valori quali giustizia, uguaglianza, fratellanza, solidarietà. E poi possiamo ricorrere a strumenti potenti come i libri che racchiudono parole e immagini così intense da imprimersi nella mente di chi ne usufruisce. Un significativo esempio è “Come ali di gabbiano”, edito Edizioni Paoline. L’ autrice Lorenza Farina non è nuova nell’affrontare tematiche così delicate e la collaborazione in questo albo con l’illustratrice Anna Pedron dal tratto leggero e poetico ha reso l’argomento Shoah e discriminazione razziale un racconto, seppur toccante, alla portata dei giovani lettori a cui è rivolto essendo loro i futuri portavoce di quanto terribilmente accaduto.

Siamo in Olanda, ad Amsterdam, dove la famiglia Frank si è rifugiata per sfuggire alla persecuzione tedesca. È il 12 Giugno del 1942 e per il suo compleanno Anne richiede al suo papà come regalo un diario che è in bella mostra sugli scaffali in attesa che qualcuno si accorga della sua presenza. Anne se ne innamora subito perché riconosce in quel diario la possibilità finalmente di avere un amico a cui confidare i propri segreti. Gli avvenimenti storici precipitano velocemente e la famiglia Frank fu costretta a nascondersi e il primo pensiero di Anne è per il suo diario che deve portare con sé. “Riversano su di te, senza alcun riserbo, pensieri e sentimenti per non esserne soffocata. Tu non mi hai mai lasciata sola”. Quali possono essere i sentimenti di un’adolescente costretta a nascondersi per non essere catturata? Essere catturata perché? Per la convinzione di superiorità di qualcun altro? Chissà quante domande, quanto sconforto e quanto terrore hanno pervaso il cuore di Anne. E di tutti coloro che hanno vissuto sulla propria pelle questo dramma. Quanti bambini non ha non potuto vivere spensierati le proprie giornate con famiglie e amici…Tanti…purtroppo! Ed è per questo che anche i nostri bambini ora devono conoscere quanto accaduto per non dimenticare e per continuare a raccontarlo in modo che non si ripeta. MAI PIÙ. L’ultima volta che Anne ha visto il suo diario è stato quando è stata arrestata insieme alla sua famiglia. La paura di Anne diventa la nostra, e, autrice e illustratrice, con parole e immagini, ci rendono partecipi e spettatori inermi di questo attimo così straziante rendendolo in qualche modo poetico. Pochi colori sulla pagina, solo sfumature di grigi e il rosso a identificare la copertina del diario, una rosa che sta perdendo petali, le guance di Anne. Il diario appare agli occhi di Anne in quel momento come un gabbiano le cui ali lo porteranno lontano. Nessuno potrà fermare il suo volo nè rubare le parole che vi sono incise. Il diario è testimonianza degli orrori vissuti da una ragazzina e dalla sua famiglia. Una famiglia che ha contato milioni di vittime. Concludo con le stesse parole che Lorenza Farina ha usato come messaggio di questo albo che vi presentiamo in occasione della Giornata della memoria: “Vola in alto come un gabbiano. Vola per sempre, caro diario!”

Nunzia Moretti

  • Titolo: Come ali di gabbiano
  • Autore: Lorenza Farina
  • Illustratore: Anna Pedron
  • Copertina rigida: 40 pagine
  • Editore: Paoline Editoriale Libri (10 dicembre 2019)
  • Collana: Grandi storie. Giovani lettori
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8831551205
  • ISBN-13: 978-8831551205