“A volte ritornano. Storie di fantasmi”: otto brevi racconti, di otto celebri scrittori. I fantasmi rivivono tra le pagine di questo albo, illustrato magistralmente da Maurizio A.C. Quarello.

Joseph Sheridan Le Fanu e Oscar Wilde, il francese Guy De Maupassant, l'inglese Jerome K. Jerome, lo spagnolo Gustavo Adolfo Bécquer, gli americani Robert E. Howard e Edgar Allan Poe e il cinese Tcheng-Ki-Tong.

0
320

Amare la scrittura dei grandi autori, amare le illustrazioni dal contorno gotico, amare il brivido raccontato attraverso le storie di fantasmi. Orecchio Acerbo crea un albo unico, brevi racconti, piacevolissimi da leggere ognuno accompagnato da un’illustrazione a tutta pagina a dir poco meravigliosamente spaventosa.Tutti scritti tra la metà dell’Ottocento e gli anni Trenta del Novecento. I toni drammatici e inquietanti sono accompagnati, nella maggior parte dei racconti, a ironia e comicità, perché ridere è uno dei modi migliori per allontanare la paura, e perché ogni situazione drammatica o inquietante ha in sé i germi del grottesco.

Sogni ricorrenti, leggende, e date funeste. Ogni autore, con il suo stile timbra al meglio, in poche pagine, una storia con strane presenze, tale da ipotizzare le sembianze e le emozioni provocate.Si passa da sfidare una leggenda che ricorre il giorno di Ognissanti nel racconto di Gustavo Adolfo Bécquer al famoso fantasma di Canterville deriso e bistrattato di Oscar Wilde.  E poi Re peste di Edgar Allan Poe che in una descrizione minuziosa illustra in maniera dettagliata sei spaventosi individui che i due ubriaconi conoscono in una tavolata grottesca, l’arte dell’illustratore ci rende con un’efficace evidenza.

Kane lottò con braccia, piedi e mani e si accorse che lo spettro cominciava a cedere. La sola arma dell’uomo è il coraggio. Kane barcollò, finalmente afferrò il fantasma e lo scagliò a terra rotolando nella brughiera. A Kane si rizzarono i capelli in testa perché stava iniziando a capirne il linguaggio fatto di sussurri, lamenti e, infine, seppe.    (La palude di Robert E. Howard)

Un progetto ben riuscito di due talentuosi fratelli: le illustrazioni, infatti, sono di Maurizio Quarello il cui segno surreale e incisivo è in perfetta sintonia con le atmosfere tenebrose e allo stesso tempo ironiche di questi racconti, scelti, curati e adattati da Serenella Quarello.