“Per un amico” e “Che pasticcio, Fergal!”: tra orsi e draghi, cosa si può fare per un’amicizia? Parola di Jacob Grant e Robert Starling.

Robert Starling e Jacob Grant sono pronti a raccontarvi due splendide storie di amicizia, ovviamente.

0
273

Lapis Edizioni propone ai nostri piccoli lettori un tema sempre tanto vivo e importante: l’amicizia. In modo particolare il “sacrificio” a cui un amico può andare incontro per il bene dell’altro (PER UN AMICO) e il desiderio di avere amici e la difficoltà di farsene (CHE PASTICCIO, FERGAL!).Ma iniziamo dall’albo PER UN AMICO, scritto e illustrato da Jacob Grant. L’autore ci introduce alla storia presentando i due protagonisti, Ragno e Orso, e portando alla luce subito le loro differenze: il primo, amante della Natura e delle avventure, il secondo, casalingo e ordinato. Quando Ragno perde l’aquilone e chiede aiuto, Orso non si tira indietro pur non piacendogli andare nel bosco. Cercano insieme, per tanto tempo, ma nulla. Inizia a piovere, Orso è stanco e Ragno triste. Orso si accorge dei sentimenti del suo piccolo amico e gli propone di proseguire le ricerche. Il lieto fine così tenero e carico di buoni sentimenti viene sottolineato dalle immagini che hanno accompagnato tutto il racconto ampliando il significato che l’autore americano ha così brillantemente studiato e presentato per i lettori a partire dai 3 anni.

 

L’altro albo, CHE PASTICCIO, FERGAL! è il secondo episodio delle avventure del draghetto Fergal pensato, scritto e illustrato dall’inglese Robert Starling. Fergal è un pò preoccupato perchè sta per iniziare l’avventura del campo estivo e non sa come poter fare amicizia con gli altri. Pensa così di dover primeggiare in tutte le attività per essere ben visto dal suoi compagni. Ma si sa che la realtà è lontana dai pensieri e con il suo voler essere il primo della classe lo porta a rimanere solo. Quando si confronta con il capogruppo capisce i suoi errori e rimediare per Fergal, diventa facile. Un bel messaggio che l’autore propone: è meglio tirar fuori il meglio di sé, che primeggiare! Le illustrazioni molto colorate e semplici impostate come un fumetto seguono tutto il racconto. Lettura consigliata per i piccoli lettori a partire dai 4 anni.