“I colori che non ti aspetti”: quanti colori diversi hanno gli oggetti che incrociamo ogni giorno? Anche ognuno di noi ne ha uno unico, che nello stesso tempo ci differenzia e ci unisce.

Ispirato al modo in cui gli artisti vedono il mondo, in collaborazione con il Whitney Museum of American Art.

0
590

Un libro dall’apparenza poco accattivante, nasconde un significato profondo legato ai colori, un argomento appetibile sin dai primi anni di vita.Chiede ai piccoli lettori, di fare un salto di qualità, li prende per mano e opplà, siamo in un mondo artistico, fatto di colori e di tinte che sembrano uguali ma anno differenze abissali, uno spazio fatto di pensieri creativi. Non vogliamo citare Magritte “Questa non è una pipa”, però vogliamo invitare a riflettere sulle verità assolute che ci propongono e ci somministrano sin da piccoli. La mela è rossa. La banana è gialla. Assolutamente no.

Una mela non è solamente rossa. Una banana non è solamente gialla. Le nuvole sono bianche solo in alcune condizioni meteorologiche.

Vari esempi si susseguono, sulla sinistra l’oggetto comune in questione sulla destra una matrice di tinte cromatiche, in quadrati regolari. Gli artisti, sono questi, si chiedono cosa c’è, dopo una classica, noiosa, già vista, già raccontata, mela rossa?

Il libro può essere letto in svariati modi, interagendo con un singolo o in una lettura in condivisione. Gli esempi, come un fiume, giungono al mare; dove nell’ultimo esempio, un quadrato della matrice è vuoto, completamente tagliato, va riempito, mettendo la manina del piccolo lettore al di sotto. Che colore avrà? A quale si avvicina?“Anche la tua mano ha il suo colore. Mettila sotto il quadrato qui sotto e … unisciti alla festa.” Ecco il guizzo, ecco la firma degli artisti, come negli esempi precedenti, tutti abbiamo svariati colori, non esiste solamente la mano nera o la mano bianca, il mix di colori e l’esaltazione della vita, che prende tonalità differenti e ci rende unici.

I colori non sono mai stati così scontati …. con questo libro date una lettura nuova del mondo, tutto e tutti hanno più colori, un manifesto al multiculturalismo.