“Zelda la piratessa”: siete pronti a salpare? Un libro carico di avventura, dal sapore di indipendenza e di perseveranza nelle proprie idee. Edito da Sinnos.

Quando tutto sembra andare per il meglio, i dubbi e le incertezze possono giocarci un brutto scherzo. Ma per Zelda, no, la sua vita è in mare.

0
59

Guardate! Laggiù! Sul mare galleggia una cesta.

Cosa ci sarà dentro? Zelda la piratessa da quando ha appena pochi giorni è abituata a farsi dondolare dalle onde. Peccato che manca poco e non venga venduta o scambiata per una botte di rum. Già brutta faccenda, i pirati hanno un cuore di pietra, ma non tutti.Piano piano si fa voler bene e diventa indispensabile per il Lamantino, solo capitan Arraffa non ne può più di lei. Zelda però è una pirata nata ed è la più coraggiosa di tutti. Adora il mare e impara tutto molto velocemente, spazzola il ponte della nave fino a farlo specchiare, rattoppale vele, lustra e conta le monete del capitano e impara a cucinare mantenendo i segreti della casa (sputare per tre volte nella zuppa, dà certamente più sapore). In poco tempo diventa aiuto cuoco, mozzo e capo timoniere. In breve alla fine prende le redini della nave, il Lamantino è suo, la ciurma è con lei. Capitan Arraffa viene mandato via. Oramai la sua banda è il terrore di tutti i mari. Ma a cosa serve tutto ciò? Saccheggiare e derubare? Vuole diventare una bimba buona e i suoi uomini vogliono accontentarla, quello che vuole Zelda si fa. Le mamme dei pirati l’accontentano e la trasformano in una principessina, ma è quello che vorrà davvero?

Pieter van Oudheusden (1957-2013) scomparso prematuramente, ha trascorso gran parte della sua carriera a scrivere testi per libri illustrati e fumetti. Ha tradotto centinaia di fumetti in olandese, è stato redattore di numerose raccolte di fumetti. Come sceneggiatore, è meglio conosciuto per la sua collaborazione con il romanziere grafico Jeroen Janssen. I suoi libri illustrati si distinguono per i loro testi letterari, filosofici e la qualità artistica della loro illustrazione, da artisti come Isabelle Vandenabeele e Goele Dewanckel.

L’illustratrice Merel Eyckerman è cresciuta a Turnhout e ora vive a Bevel. Ha studiato Illustrazione in Hasselt. Ha già illustrato trenta libri per bambini, inclusi libri di cartone, libri illustrati e primi lettori. I libri di Merel sono tradotti in francese, italiano, inglese, russo, ungherese, spagnolo e coreano. Sul suo sito puoi anche vedere i disegni di suo marito, Benjamin Leroy, anche lui bravissimo illustratore.Autonomia e desiderio di rimboccarsi le maniche, per Zelda la vita le ha dato una bella rivincita, in breve tempo da essere scambiata per una botte di rum diventa comandante di un intera nave, è una piratessa nata, ma quando le sue convinzioni sembrano vacillare la prova del nove, le farà capire che quella è davvero la sua strada.

Splendide illustrazioni che lasciano incantati e ci fanno immaginare di essere lì con la protagonista a navigare. Un omaggio della casa editrice Sinnos all’autore prematuramente scomparso riconosciuto a livello europeo per la qualità dei suoi testi e per la qualità artistica; e un regalo che Sinnos fa per noi, lettori accaniti, di portare in Italia grazie alla linea “I tradotti”, testi splendidi.