“Gabbiano più, gabbiano meno”: quando una decisione visivamente semplice può rivelarsi tutto l’opposto. Minibombo cattura l’attenzione con simpatia e lascia ampi spazi per riflettere.

«E che fatica...Palmipedi impiccioni, impudenti, petulanti e ficcanaso...Su quell’isola non riuscivo mai a rimanere per i fatti miei!

0
58

Stare meglio e comodi è relativo, questa storia esilarante, lascia ampi spazi per riflettere, almeno a noi grandi, ai piccoli lettori dopo la lettura lascia un insegnamento di vita, non tutte le decisioni possono sembrare così vantaggiose. Silvia Borando e Marco Scalcione ne infiocchettano un altro.C’era una volta un gabbiano, un gabbiano che condivideva il suo posto su una strana “Isola” insieme a tanti altri suoi compagni…

Un bel giorno, però, molto stanco, decide di abbandonarli per raggiungere un’altra isola, perché vuole stare per conto suo.

I suoi compagni accettano senza replicare la decisione del Gabbiano, che con molta soddisfazione, fa le sue valutazioni solitarie circa i suoi ex “coinquilini”: chiassosi, invadenti, voraci…

Dall’altra parte il resto dei gabbiani osserva, impassibile, il pennuto brontolone che crede di essere finalmente nelle condizioni ideali per vivere sereno ma… vi lasciamo con questo punto interrogativo.

In questo libricino le illustrazioni sono semplicissime, è tutto basato sull’azzurro del cielo e del mare, il grigio delle isole, in contrasto però con il bianco delle pagine in cui il burbero gabbiano conduce i suoi monologhi.Consigliato per insegnare ai vostri bambini l’importanza dello stare insieme agli altri, e che alcune scelte possono rivelarsi, non proprio comode, si stava meglio quando si stava peggio!