“La zebra che voleva cambiare colore” e “Di notte”: Edizioni Usborne colpisce con la sua qualità. Animali, colori e gioco catturano l’interesse dei piccoli lettori.

Due piccoli libri per i lettori curiosi fanno da trampolino a un breve excursus di questa famosa casa editrice che tutti sappiamo riconoscere.

0
726

Usborne è un’importante casa editrice indipendente del Regno Unito che pubblica libri di vario genere per bambini e ragazzi di ogni età, dalla primissima infanzia all’adolescenza.

Fondata da Peter Usborne nel 1973, è stata la prima casa editrice inglese a pubblicare una nuova generazione di titoli non-fiction divertenti, coloratissimi e vivaci e da allora occupa un posto speciale nel cuore dei giovani lettori che ne apprezzano i libri ricchi di umorismo e accattivanti ma anche informativi.

Nel 2015 Usborne ha ricevuto il premio “UK Private Business of the Year”, mentre nel 2014 è stata nominata “Independent Publisher of the Year” e “Independent Children’s Publisher of the Year”.

Peter Usborne è anche patrono di READ International, un’associazione benefica che fornisce libri alle scuole della Tanzania e insieme alla figlia Nicola e al figlio Martin ha dato vita alla Usborne Foundation che promuove iniziative di alfabetizzazione infantile. Nel 2011 è stato insignito del titolo MBE (Membro dell’Ordine dell’Impero Britannico) “per i servigi resi all’industria editoriale”.

È sempre coinvolto nell’attività della Casa e, quando non è via in viaggio, va in ufficio tutti i giorni.

La zebra che voleva cambiare colore

Pagine cartonate con angoli tondeggianti, intagli e bei colori vivaci. La piccola zebra prova a immaginare le sue strisce nere con vari colori diversi, è bellissimo vedere i cambi di colore nella sua mente, nelle nuvolette, che prendono vita, da delle ambientazioni o animali delle pagine precedenti. Questo gioco è molto apprezzato e stimola la creatività. Coccodrillo, fenicottero, pappagallo e altri amici attendono la piccola zebra nel finale per sancire il suo desiderio. Mi piaccio così, in bianco e nero così posso nascondermi meglio a nascondino.

Un piacevole libro gioco lascia anche un bel messaggio di saper accettarsi e di unicità. Ognuno di noi è differente dall’altro e questo ne fa la bellezza. 

Ci ha ricordato “Il lupo che voleva cambiare colore”, però questo, rispetto al titolo Gribaudo, si presta per un target più basso di età, mantenendo il messaggio intatto.

Di notte

Il tipico libro da acquistare al proprio bambino nei primi 0 – 2 anni, anche qui pagine spesse e angoli tondi. In più, ogni pagina ha inserti tattili e piccole animazioni da scorrere e giocare. Sin dalla copertina è possibile svegliare mamma gufo che dorme con il suo piccolo.

I personaggi nelle prime e ultime pagine sono gli stessi illustrati da Stella Baggott in “Il mio libro preferito” già recensito qualche tempo fa.

Questo libro da portare ovunque, è caratterizzato dalla notte, altri con diversi temi, e quindi simpatici tassi e lemuri pronti ad addormentarsi o i pipistrelli svegli per fare festa e poi tanti intagli e colori a completare il tutto.