Charles Perrault: creatore di favole indimenticabili. Da Cappuccetto Rosso a Barbablù, senza dimenticare La bella addormentata, Pollicino, Cenerentola e Il gatto con gli stivali.

Titolare insieme ad Andersen e ai fratelli Grimm del patrimonio fiabesco che tuttora possiamo godere. Autore di favole uniche, che hanno prodotto libri, cartoni animati, film e parchi a tema.

0
1014

Le fiabe sono ovunque, sia geograficamente che temporalmente. Non sarebbe una forzatura dire che le fiabe esistono quasi dalla notte dei tempi. Di recente, sono stati canonizzati nella nostra cultura popolare attraverso la tv e l’animazione come ad esempio la Disney. Quasi tutti i bambini sono introdotti a queste storie in una forma o nell’altra e ogni racconto trasporta un tema e una trama che sono riconosciuti e ricordati, quasi universalmente, da questi bambini per tutto il resto della loro vita. Con così tanti rifacimenti e adattamenti di questi racconti, è difficile e probabilmente impossibile rintracciare le loro origini. Alcuni temi, come ad esempio quello di non parlare con gli sconosciuti che è presente in “Cappuccetto Rosso”, esistono da secoli e, quasi misticamente, non hanno la nascita. Tuttavia, le versioni scritte di queste fiabe hanno una nascita tracciabile.

Si tratta di Charles Perrault, che ha pubblicato una raccolta “I racconti di Mamma Ocanel 1697. In un certo senso, ha canonizzato le storie e gli intrecci che ci sono così familiari oggi. Perrault ha messo su carta, storie che esistevano prima di lui, con grande importanza e ricchezza, il suo contributo è stato fondamentale per essere facilmente tramandate. Anche se Perrault ha trascritto una sola delle versioni ascoltate e tramandate fino a quel momento, con un suo personale profilo e carattere, mettendo la parola fine alle centinaia di versioni raccontate.

Mi rattrista che un sacco di gente non sa chi sia Charles Perrault. Se non sapete chi sto parlando, allora è l’articolo che fa per voi. A dir la verità fino a pochi anni fa, anche noi non né avevamo la minima idea. Ma la nascita dei propri figli fa crescere il tuo bagaglio culturale. Ha lavorato per il Re Sole, Luigi XIV, ha fatto arrabbiare un sacco di gente con le sue opinioni su antichità e modernità e ha scritto e trascritto molte fiabe celebri come “Cappuccetto Rosso“,Cenerentola“,
La bella addormentata nel bosco“,
 “Il gatto con gli stivali“,ecc. Come per i fratelli Grimm, tutti conosciamo queste fiabe. Qui vogliamo parlare del talento di Perrault per la narrazione, in particolare le tecniche che usava per scrivere storie riccamente strutturate, l’uso particolare di Perrault per i titoli, le sue scelte di parola, e il suo uso d’indumenti come trampolino di lancio per il progresso delle sue trame.

Titoli

Perché i personaggi principali di Perrault non hanno nomi propri? Se non hanno nomi propri, come fanno a vivere la storia con i loro nomi insoliti? Per molti dei suoi personaggi, Perrault utilizza gli attributi o abbigliamento per assegnare il nome.Lo vediamo in storie come “Cenerentola”, dove è chiamata così per la sua condizione, “Barbablu”, dove prende il nome da un attributo fisico, e “Cappuccetto rosso”, dove è chiamata così per il suo mantello scarlatto. A causa di queste descrizioni, guardiamo a questi personaggi in un modo specifico. Nella storia di Cenerentola, le sorellastre le hanno imposto questo nome per equipararla alla cenere. Ma, la cosa molto interessante e che nonostante il nomignolo assegnato, Cenerentola è all’altezza del suo nome, perché, come una fenice, che risorge dalle ceneri: per diventare una principessa. Nella storia, “Barbablù“,il nome deriva a causa di un attributo fisico: “Per qualche terribile disgrazia, la barba dell’uomo era blu, che lo mostrava come orribile, brutto di aspetto; le donne e le ragazze fuggivano da lui.” La gente ha paura di lui, non solo perché è diverso, ma perché è misterioso. Ha avuto molte mogli e nessuno sa niente di loro. Leggi come segno di qualcosa che si nasconde, la barba è un attributo negativo che lo segna come un cattivo carattere. Infatti, alla fine, diventa ancora più spaventoso.

In “Cappuccetto Rosso”, spiega Perrault “La nonna aveva fatto per lei un cappellino rosso trapuntato con una breve sciarpa collegata che le cadeva sulle spalle. Amava così tanto quel regalo da indossarlo sempre, tanto che tutti la chiamavano Cappuccetto Rosso”. A differenza di “Barbablu” e “Cenerentola” che sono esseri umani con attributi, “Cappuccetto Rosso” diventa un oggetto invece di un soggetto. Questa lettura, era vista come un avvertimento per le donne di corte al tempo di Perrault, che incontravano ‘lupi’ a corte e speravano di sposarle.

 

Parole uniche

Perrault inventa e fissa nella storia parole e nomi unici. Cenerentola, Cappuccetto Rosso, la bella addormentata e le altre fanno parte con i loro personaggi e vicende del lessico utilizzato tutt’ora. La zucca, la scarpetta dimenticata, il principe azzurro, il pungersi, l’addormentarsi per un lungo periodo, il lupo, il travestimento, gli stivali, color blu, astuzia, altezza e tanto altro ancora. Modi di dire ed esempi si tramandano ancora oggi. Il leggere queste fiabe ai piccoli ascoltatori, non fa altro che continuare questa tradizione. Singole parole aprono automaticamente collegamenti nel nostro cervello, che le associano a racconti ascoltati e riascoltati tanto tempo fa che fanno parte di tutti noi, in un modo o nell’altro.

Abbigliamento e Calzature

Perrault utilizza i vestiti, non diversamente dai nomi, come simboli. In questo caso, sono spesso simboli di movimento, di prestigio, e di progresso; questo è ancor più rimarcato quando si parla di scarpe. Osservando le storie di “Il gatto con gli stivali” “Cenerentola” e “Pollicino” possiamo vedere che le scarpe rappresentano la stratificazione sociale e la divisione culturale. Le scarpe rappresentano un modo per i personaggi di trovare un posto nella società, così come creare un cambiamento elementare nella trama della storia e, naturalmente, nella loro vita. Gli stivali erano indossati in particolare quando si guidava a cavallo, solo gli uomini di una certa classe potevano permetterseli. Se il gatto li indossa, sta presumibilmente cercando di essere visto come una figura di una certa importanza. Che cosa succede al gatto una volta che indossa gli stivali? Il re e il padrone del gatto sono in grado di prenderlo sul serio e avanza notevolmente nella società. In “Cenerentola”, un diverso tipo di calzature è la chiave per la storia. Indicativo che tutto di lei cambia quando l’orologio batte la mezzanotte, tranne le sue scarpette di cristallo. L’incantesimo della sua fata madrina le permette di tenere le scarpe in modo che il servo del principe riesca a trovarla. Più di ogni altra cosa, le scarpe simboleggiano il suo valore e servono come il suo biglietto per diventare una principessa. Perrault aggiunge di suo questa particolarità, alla fiaba raccontata fino a quel momento.  In Pollicino, il protagonista è in grado di aiutare la sua famiglia, riesce a sopravvivere ed è in grado di scoprire la propria identità con gli stivali, diventando un messaggero.

Nel 1875, molte fiabe di Charles Perrault furono tradotte dal francese all’italiano per opera di Carlo Collodi e pubblicate nell’antologia di fiabe “I Racconti Delle Fate “.

Nel complesso, Perrault è una figura importante che ha portato fiabe alla vita attraverso il suo uso di titolazione specifica, scegliendo parole uniche, e abbigliamento. Dopo quasi 400 anni, le sue fiabe riescono ancora a far innamorare tanti bambini, grazie anche ai giganti dell’animazione, ai parchi a tema e negli ultimi anni anche il cinema che ha riscoperto queste sceneggiature e per gli adulti è bello ritornare e ricordare quando si era bambini!