Carlo Collodi: l’inventore di Pinocchio e non solo. Icona assoluta del nostro paese.

C'era una volta... ‐ Un re! ‐ diranno subito i miei piccoli lettori. No, ragazzi, avete sbagliato. C'era una volta un pezzo di legno. Non era un legno di lusso, ma un semplice pezzo da catasta, di quelli che d'inverno si mettono nelle stufe e nei caminetti per accendere il fuoco e per riscaldare le stanze.

0
639

Carlo Lorenzini o Carlo Collodi è nato il 24 novembre 1826 a Firenze. Presta servizio nell’esercito toscano nel 1848 e nel 1860 durante le guerre italiane d’indipendenza riveste un ruolo attivo nelle questioni politiche.carlo-collodi-creatore-di-sogni-pinocchio-libricino-libri-fiabe-favole-per-bambini-ragazzi-news-blog-recensioni-4

Ha iniziato la sua carriera di scrittore come giornalista nel giornale satirico La Lanterna.

Ha deciso di concentrarsi sulla scrittura per i bambini alla fine del 1870 e l’inizio del 1880.

Mostrando l’orgoglio e l’affinità per la madre, l’autore sceglie il suo pseudonimo in base al paese toscano del luogo di nascita di sua madre, “Collodi”. Si fornisce un contesto interessante in cui leggere Pinocchio, è importante notare che Collodi non ha mai avuto figli e ha trascorso la sua infanzia per le strade piuttosto che in una classe. E anche se ha iniziato la sua carriera di scrittore, drammaturgo con racconti per adulti, Collodi commuta alla letteratura per ragazzi nel 1875 dopo l’Unità d’Italia, sostenendo che “gli adulti sono troppo difficili da accontentare”. Ovvio che questo cambiamento è stato alla fine una decisione intelligente, Collodi ha scritto testi scolastici didattici – come “L’abbaco di Giannettino”, “La geografia di Giannettino” “Il viaggio per l’Italia di Giannettino”- solo a pochi anni dalla morte è pubblicato, “Le avventure di Pinocchio”. La storia è apparsa a puntate sulla rivista per bambini nel corso di due anni. carlo-collodi-creatore-di-sogni-pinocchio-libricino-libri-fiabe-favole-per-bambini-ragazzi-news-blog-recensioni-5Nel 1883, è stato pubblicato come un romanzo e fu un’immediata sensazione in Italia, ma Collodi, che non ha mai avuto i soldi, non ha condiviso il successo finanziario del libro ed è morto senza sapere che un giorno ci sarebbero state centinaia di traduzioni del suo libro in più di 100 lingue. Il 26 ottobre 1890, a un mese dal compimento del suo sessantaquattresimo anno, Collodi, mentre sta rientrando, è stroncato, probabilmente da un infarto, proprio sull’uscio di casa.

” Pinocchio ” è un ricco mix di fiaba, commedia dell’arte, favola, realismo e romanzo di formazione. È stato interpretato, analizzato e sezionato in modi letterari, religiosi, politici, economici e psicoanalitici. È in grado di essere tutto a tutti, perché Pinocchio è l’uomo comune, e la sua lotta per essere reale è affascinante, metafora senza tempo per la condizione umana.

” Pinocchio ” detiene lo status mitico in Italia, dove è ampiamente considerato un capolavoro pari a ” La Divina Commedia ”. Studiosi internazionali lo ammirano, favorevolmente confrontandolo con l’“Odissea”, l’“Eneide” e “ Huckleberry Finn”.

carlo-collodi-creatore-di-sogni-pinocchio-libricino-libri-fiabe-favole-per-bambini-ragazzi-news-blog-recensioni-1Centotrenta anni dopo, “Pinocchio” continua a essere rifatto, rinnovato e raccontato; anche se Collodi ha provato a ucciderlo: aveva intenzione di porre fine alla storia con il capitolo 15, quando il burattino è impiccato a un albero per la Volpe e il Gatto e lasciato per morto, ma tale era la tonalità triste e agghiacciante per il giovane pubblico lo scrittore lo ha riportato in vita. Ci sono state centinaia (se non migliaia) di versioni di “Pinocchio”, dai libri pop-up ai volumi a colori. Il famoso burattino è stato reso da illustratori in innumerevoli forme. Il più brillante illustratore rimane Attilio Mussino, le cui illustrazioni meravigliose sono nuovamente in stampa; le braccia snodabili di un fantoccio e le gambe, ma una testa più umana che meccanica. Questo è fondamentale perché Pinocchio, mentre è un burattino, è davvero un bambino con delle emozioni.

carlo-collodi-creatore-di-sogni-pinocchio-libricino-libri-fiabe-favole-per-bambini-ragazzi-news-blog-recensioni-2

Dare allegria è la cosa più bella che si possa fare al mondo.

Pinocchio è una delizia e va salvaguardato dalla saccarina prodotta da Disney. Con la prosa di cristallo, dettagli e tocchi grotteschi, questo è molto più che la storia di un naso che cresce quando mente – cosa che accade solo due volte.

Pinocchio non era solo un burattino, ma un simbolo di una nazione italiana appena unificata. Scavato in un tronco di pino, è diventato il veicolo di un racconto morale su come un bambino in materiale di base può essere trasformato in un vero e proprio ragazzo, un laborioso e figlio rispettoso della famiglia e del paese.

Carlo Collodi era un autore satirico con una reputazione per indolenza, donnaiolo e gioco d’azzardo – non proprio un modello di moralità – come già detto sopra – stanco di Pinocchio dopo 15 capitoli, l’ha lasciato appeso morto a un albero. La nazione aveva protestato e così Collodi, l’ha inviato di nuovo nella terra del folklore toscano, per incontrare serpenti, fate, castori parlanti, e produrre altri 21 capitoli.

La coscienza, nella forma del grillo parlante, spesso cerca di intercedere, e la fata dai capelli turchesi lo perdona più e più volte, ma nel giro di poco Pinocchio sente un bisogno molto umano di allontanarsi verso l’edonismo.carlo-collodi-creatore-di-sogni-pinocchio-libricino-libri-fiabe-favole-per-bambini-ragazzi-news-blog-recensioni-3 Alla fine, impara a leggere e scrivere e riesce ad avere un mestiere. Si è riscattato e il suo premio è la trasformazione dal legno alla carne. Tuttavia, dopo un tal excursus attraverso le terre popolari della Toscana, la nuova realtà sembrerà un po’ triste.

I libri che vogliamo consigliarvi sono:

Le avventure di Pinocchio
Pinocchio
Pinocchio
Pinocchio
Opere