“Le sei storie delle paroline magiche”: un libro delicato che sa insegnare ai bambini con dolcezza

Ciao, per piacere, grazie, scusa, ti voglio bene e pazienza.

0
2076

Certe volte ci troviamo a dare più ordini, che insegnamenti; e si corre il rischio di far conoscere nuovi termini o modi di dire senza veramente far capire il senso.

Questo libro straordinariamente illustrato ci racconta sei storie, abbastanza corte da cogliere l’attenzione dei piccoli, ed in più in rima. In ogni storia dopo un breve preambolo, ci sono gli esempi in cui i bambini ascoltatori si riconoscono, tutti nei loro brevi anni passati hanno rotto qualcosa e devono chiedere scusa, oppure vogliono terribilmente e ostinatamente qualcosa, e chiedendo per piacere hanno più probabilità di riceverla.

 

E ancora, bisogna salutare gli amici e anche gli sconosciuti se i genitori li salutano, senza nascondersi e vergognarsi, e poi ringraziare per un regalo o per qualcosa che ti viene prestato. Infine ricordarsi che non sempre va nel verso e quindi bisogna armarsi di pazienza e poi quando una mamma o un papà o i nonni o un amico fa qualcosa di bello per noi e proviamo qualcosa di bello per loro, un bel abbraccio ed un ti voglio bene, ci sta proprio a pennello.

Sara Agostini e Marta Tonin ci riprovano, e a quanto pare ci riescono alla grande, dopo le sei storie dei perché, in una tipologia molto simile, ci raccontano di paroline magiche che riescono a muovere qualcosa di speciale all’interno di noi stessi, questo il vero motivo del loro potere.