Papà: al momento del parto esserci o no? Momento incredibile nella vita di ognuno di noi. Testimonianze dei neo padri.

Consigli su come affrontarlo e vincere timori reverenziali.

0
610

Tocca a voi

È insolito se un padre non c’è al momento della nascita. Per la maggior parte delle coppie, stare insieme in quelle ore è ciò che ritengono giusto. “Non posso immaginare di non esserci stato quando è nato Matteo “, dice Francesco, un papà di due bimbi da Bari. “È stato un privilegio straordinario, qualcosa che non dimenticherò mai. Non lo avrei perso per niente al mondo”. Ma non tutti sentono la stessa emozione. Sara, che è incinta del suo terzo figlio, conosce il suo compagno Antonio, 39 anni,che non è particolarmente appassionato alle fasi finali del parto. Quel giorno deciderà se badare ai loro altri due figli, o accompagnare Sara in questa parte finale del percorso. “Ero alla nascita di mio figlio e mia figlia, ma ad essere onesti mi sono sentito un po’ debole“, dice Antonio. ” Ho capito che ero di peso anche per Sara, soprattutto dopo, quando stava per essere cucita (punti per la lacerazione). Era così dolorante e provata, per me non è stato facile essere lì. È vero che tanti dicono che non sei un buon padre se non sei presente alla nascita “, prosegue Antonio.” Ma per me, è una cosa individuale e che varia in ogni coppia. ”

 

Parlare di ciò che si vuole

È importante parlare con gli amici circa le vostre aspettative sulla nascita, e che il ruolo di un padre dovrebbe essere un grande evento. Se ti senti ansioso, suggeriamo di avere un parente (madre o sorella) che può entrare al vostro posto. “Ero preoccupato che sarei svenuto o non riuscire  a dare alcun aiuto, e che avrei lasciato Martina da sola”, dice Simone, padre di una bimba Ilaria di quattro settimane. “Avendo la sorella di Martina ho sentito il bisogno di chiamarla, iniziavo a guardare le sedie nelle vicinanze per poggiarmi, mi sono sentito sconfitto per non esserci alla nascita di Ilaria.”

 

Quali sono le cose positive di esserci alla nascita?

È stato un momento così meraviglioso quando Jacopo è nato”, dice Riccardo. “Abbiamo aspettato molto tempo per avere un bambino. Niente nella vita può essere paragonato con il vedere mio figlio per la prima volta nel momento esatto in cui viene al mondo.” Anche quando il parto non va secondo i piani, alcuni papà rimpiangono di non essere lì. Luca, 32, padre di Enrico 4 mesi, è rimasto scioccato quando la sala parto improvvisamente si è riempita di personale medico. Gli è stato detto poteva esserci la possibilità di un parto assistito – forse anche  cesareo . “Alla fine Enrico è nato con parto cesareo. Tutto è andato bene.” dice.

 

Papà nascita parto paure importanza padre nascita bambino libricino-libri-fiabe-favole-per-bambini-ragazzi-news-blog-recensioni (2)

 

“Non è stato facile essere lì”, Luca ricorda. “Mi sono sentito in dovere di condividere il dolore fisico di Federica,anche se ovviamente non ho potuto. Ma nonostante il trauma è stata un’esperienza magica. Inoltre, a causa di quello che aveva attraversato, Federica non è stata in grado di tenere Enrico in un primo momento, per me essere lì ha significato molto, potevo coccolarlo io, appena nato. Questo è qualcosa che porterò sempre con me. ”

Per Francesco, papà di Roberto un bimbo di 2 anni. “C’erano urla di dolore e odore di sangue, ma non era una sensazione orribile di emergenza” dice. “È stato tutto portato verso questo meraviglioso evento. Mi ha reso consapevole di quanto sia forte una donna che ha un energia enorme e fa di tutto per spingere un bambino fuori. E di quanto sia forte un bambino, per sopravvivere a questo sforzo attraverso il canale del parto … incredibile!”

Quali sono le cose difficili dell’esserci al momento della nascita?

Studi dell’ambiente neonatale hanno monitorato il ruolo degli uomini in sala parto. La sfida più difficile è vedere la partner nel dolore e non essere in grado di fare nulla al riguardo. Molti papà dicono quello che trovano difficile nelle prime fasi  sapere esattamente cosa possono fare per aiutare. “Ho finito per sentirsi abbastanza inutile“, dice Marco. “Mia moglie era ovviamente nel dolore e necessitava di un aiuto, ma io non sapevo cosa avrei potuto fare per migliorare le cose. La levatrice aveva alcune idee, ma niente sembrava funzionare. Mi sentivo imbarazzato.” Una delle cose più difficili da affrontare per i papà e quando il parto prende una piega inaspettata. A volte tutto sembra cambiare molto rapidamente, con i medici e altro personale medico che versano nella stanza e le possibilità di cambiare possibilità in discussione. “Eravamo stati a corsi pre-parto quindi sapevo che avrei dovuto mantenere la mia calma”, dice Ivan, padre di Giovanni di otto mesi. “Ho dovuto chiedere un sacco di domande su ciò che è stato fatto e perché. Poi tutto è stato più chiaro. Vedere tuo figlio e tua moglie in salute, toglie tanta sofferenza passata.”  Molti papà descrivono scenari di far rizzare i capelli in cui temevano per la vita dei loro partner e del bambino non ancora nato. Andrea, padre di Diego quattro settimane di età, spiega come in pochi istanti la situazione ha preso una piega drammatica. “Tutto andava bene per un paio d’ore,” dice. “Le contrazioni stavano costruendo e Giorgia le stava affrontando bene. Ma il suo collo dell’utero non si dilatava completamente e l’ostetrica ha detto che avremmo dovuto trasferire mia moglie e il bambino in un’altro ospedale. È  stato davvero spaventoso. Non mi era permesso stare in ambulanza quindi ho dovuto seguirli in macchina da solo, “Andrea continua. “Quando siamo davanti ​​ alcuni lavori stradali  l’ambulanza con la sirena in funzione ha proseguito, io ho dovuto aspettare nel traffico. Ho pensato davvero al peggio per entrambi. Poi tutto è andato per il meglio.”

 

Cosa si può fare per prepararsi al momento della nascita del vostro bambino?

La preparazione è fondamentale. Non vuol dire essere pronti a qualsiasi cosa accada. Ma vorrà dire essere più consapevoli delle possibilità che possono esserci nel travaglio e nel parto. Si potrebbe anche dare la fiducia necessaria per cercare di aiutare il vostro partner ad affrontare le contrazioni. Nel periodo del travaglio, che è preferibile fare a casa, come coppia, bisogna assecondare i bisogni naturali della compagna. Essere a disposizione, se ha bisogno di cuscini, di un bicchiere d’acqua o altro. Da evitare la sfilza di domande inutili del tipo: hai dolore? Che posso fare? Stai meglio?  Se possibile, il vostro partner  deve partecipare almeno a qualche lezione del corso prenatale.

Papà nascita parto paure importanza padre nascita bambino libricino-libri-fiabe-favole-per-bambini-ragazzi-news-blog-recensioni (1)

 

Nuovi consigli papà : quello che c’è da sapere

Aspettatevi l’inaspettato. Il messaggio chiave è: essere flessibili. Essere disposti a provare qualcosa, ma essere pronti al rifiuto se non è ciò che è necessario. Non prendete sul personale la reazione del vostro partner che vi spinge via. Ogni parto e ogni donna che travaglia e partorisce cambiano e si differenziano, siate pronti a 360° e quindi ad imprecazioni,ad odori molesti, a forbici e alla pazienza, il risultato finale è ineguagliabile.